Adry – Place

Oggi si va a recensire un singolo invece di un album come d’uso.
Si tratta di Place opera dei britannici Adry già precedentemente noti con l’album Blue Lights.
Place è una canzone relativamente semplice e molto intuitiva, con un testo molto chiaro e bello.
Lo strumentale è decisamente ben strutturato, molto atmosferico e anche ben prodotto. La voce è forse leggermente grezza dal lato produttivo, ma sono gusti personali, si tratta comunque di un’ottima linea vocale.

Bellissima anche la copertina del singolo, davvero un piccolo capolavoro.
Ma Place è solo un anticipo di quello che sarà “NOTES.” ovvero il prossimo album della band. Restate quindi sintonizzati sui siti ufficiali che vi lascio sul fondo.

In generale un apprezzabilissimo di rock e pop, consiglio l’ascolto assolutamente!

Notare anche la presenza di un italiano a bordo ovvero il batterista Riccardo Preda.

Sito Ufficiale: http://www.adry.co.uk
Singolo: https://soundcloud.com/aadry/adry-place
YouTube: http://www.youtube.com/watch?v=v0KG6XNEHhQ

Place

Annunci

Alt3rEgo – Back To Life

Mi hanno fatto scendere una lacrima lo devo dire e questo perché la band ha quella piccola (nemmeno troppo piccola) sfumatura vintage di un genere che ho amato e che purtroppo viene spesso messo nell’ombra da tanta spazzatura.
La band stessa è come una perla trovata in un deserto perché non c’è uno solo dei vari componenti che non sappia fare il suo lavoro al 100%. Chi sono quindi gli Alt3rEgo? Una band che esplode sotto qualsiasi livello sia esso vocale, strumentale o compositivo.
Back To Life non è di certo il loro primissimo lavoro e lo si sente anche dalla sicurezza di ogni canzone perché, a differenza di molti L.P., qua non c’è un solo riempitivo, una canzone da scartare, una canzone “meno bella”.
Si va letteralmente alla ricerca del capolavoro che lo si può trovare probabilmente in Join the Revolution, credo… Riuscissi a decidermi una buona volta su un album che ho adorato dal primo all’ultimo minuto.
Ma facciamo un po’ di chiarezza, che genere ci propone la band? Un mix di vari generi, dall’Acid-Jazz al Pop (quello puro) strizzando l’occhio alla musica Dance di alto livello.
Ne risulta un album molto orecchiabile ai più che non potranno non avere un enorme desiderio di ballarselo tutto, ma anche un buon argomento per i più attenti musicalmente perché, nonostante l’album sia molto diretto, non si può dire che non sia dettagliato, con tanti piccoli particolari che faranno impazzire anche il più attento degli intenditori.
La produzione è divina, è perfetta per il suo genere. Non esiste certo uno standard produttivo, ma qua viene fatto risaltare davvero tutto, dalle bellissime e potentissime voci ai vari strumenti senza trascurare veramente nulla.

Un album da avere che invito tutti ad acquistare anche solo per supportare questa talentuosissima band:

Correte a scoprirli e comprate il loro bellissimo Back To Life:
http://www.alt3rego.com/
https://www.facebook.com/Alt3rEgo
https://twitter.com/Alt3rEgoProject
https://itunes.apple.com/gb/album/back-to-life/id722379396

Ulises – 6

Oggi si parla di Ulises ragazzi un artista pop molto particolare che nel suo album 6 fonde sonorità elettroniche con influenze tipicamente pop e una voce unica che o la si ama o la si odia.
L’album si apre con Fleshtones, che alterna strofe tranquille a ritornelli molto acchiappanti e con un sidechain mostruoso, una canzone davvero valida che merita la vostra attenzione.
L’album prosegue con Sugar Cane, canzone dove però si nota una certa sufficienza della produzione su certi aspetti, ma nulla di irrecuperabile. La traccia procede abbastanza lentamente, ma ci introduce Cresendo che si dimostra una canzone che ho letteralmente adorato, fantastica davvero, vale decisamente l’album.
Con Love Frontier torniamo sui temi che hanno  aperto l’album, sidechain e musica molto catchy.
Sodalicious è qualcosa che non mi aspettavo davvero, un traccia particolare, non la migliore dell’album, ma sicuramente meritevole, si va molto, ma molto a gusti.
Pink Panther chiude con onore questo disco molto particolare, ma dotato sicuramente di un ottimo sound.
Ascoltatelo: http://www.ulisesworld.com/

Matthew Schultz feat. Alessia Guarnera – Crazy Heart

Recensione lampo di Crazy Heart singolone di Matthew Schultz feat. Alessia Guarnera.
Si tratta di un pezzo pop molto semplice e accattivante che vi fa subito immergere con un ritmo molto catchy e una produzione interessante.
Non mancano infatti i glitch vocali che ho apprezzato molto e una voce tendenzialmente “computerizzata” ricordate il buon t-pain effect? Molti lo odiano, ma io lo amo, ve lo assicuro.
Una canzone molto carine e gestita davvero bene, ve la consiglio.

Link: http://www.reverbnation.com/matthewschultzofficial

Latimer House – All The Rage

Oggi si recensisce una band molto particolare, si tratta dei Latimer House, un gruppo pop/rock che viene dalla Repubblica Ceca.

Cosa ci propongono? Un album chiamato All The Rage che colpisce già a partire dalla copertina la cui sola vale un 10 pieno.
La canzone che apre l’album è anche il singolo chiamata This Is Pop. Sono rimasto subito colpito dall’accento del cantante, davvero piacevole.
La produzione è felicemente retro di altissima qualità con tutti gli strumenti ben bilanciati fra loro. Riguarrdo al brano c’è poco da dire perché riassumerne l’alta qualità non è per niente facile, una traccia piena, completa e soprattutto BELLA.

Burn presenta anche strumenti ad arco ed è la traccia che ho preferito di tutto il disco, l’atmosfera è a dir poco perfetta, niente di sbilanciato o imperetto, è qualcosa di immenso. La voce ricorda molto i Dire Straits il che non può che essere positivo.
La melodia sviluppata in questa traccia è qualcosa di veramente oltre, un ridisegnamento del concetto di musica pop.

Eye Can See è una canzone a tratti psichedelica con suoni ben lavorati e un ritmo ben scandito, le chitarre lavorano benissimo e sono sempre piacevoli.

E qua mi fermo un secondo per segnalare come nessuna canzone dell’album mi abbia anche solo annoiato per un secondo, è veramente raro, segno della qualità altissima della band.

Open Your Heart ha un riff di basso davvero eccitante, piacevolissimo, ma non sto a commentare oltre perché fare un riassuntino dell’album sarebbe quasi riduttivo, va ascoltato, va goduto, le parole non bastano davvero.

Tengo ancora a segnalarvi la bellissima Splash! E ora i link!

Comprate l’album su Bandcamp: http://latimerhouse.bandcamp.com/
E seguiteli su Soundcloud: https://soundcloud.com/latimer-house

Lily Lane – Nothin’ But Trouble

Ciao a tutti, oggi l’artista di cui parliamo si chiama Lily Lane e si tratta di una cantante pop nata a Boston con influenze soul nella quale si trovano diverse influenze.
Il suo singolo Nothin’ But Trouble è una canzone semplice, abbastanza commerciale che si rifà soprattutto ad artisti come Joss Stone e Adele.

Il testo è decisamente coinvolgente e lo strumentale fatto davvero bene, il tutto decisamente ben prodotto.

Anche il video non è assolutamente niente male, disponibile qua: https://www.youtube.com/watch?v=cDa-E4QdoiQ

Link:
http://lilylanemusic.com/
http://facebook.com/lilylanemusic

Universo – Universo

Si torna a recensire! Oggi parliamo degli Universo una band brasiliana che ha come membro fondatore e compositore Leo Bor. Egli suona infatti praticamente tutti gli strumenti, mentre le voci sono affidate a due cantanti, rispettivamente voce maschile, Jack, e femminile Meika.
L’album esce dopo circa 3 anni dalla nascita della band e contiene ben 29 tracce di cui alcune sono, piacevolmente, una ripresa di alcuni pezzi di musica classica.
La produzione non è niente male, le chitarre suonano in modo molto potente, così come le voci, un lavoro a dir poco eccellente.
E bisogna certamente complimentarsi con i due cantanti, decisamente ben performanti.
Sono stato molto colpito dall’interpretazione chitarristica della sinfonia numero 5 di Beethoven, forse un po’ scontata come scelta, ma non dispiace affatto.
Queste reintepretazioni colpiscono sicuramente per la loro varietà, addirittura Mozart in chiave jazz.
Tutto questo è contornato da tracce strumentali ad opera dello stesso Leo Bor che ne fanno certamente risultare le qualità musicali.
Le idee sono tantissime e veramente valide non mento se dico che mi è piaciuto praticamente tutto l’album anche se non posso che consigliare un album di minore durata.
A parere mio 29 canzoni per un debutto sono davvero troppe e fanno rischiare una perdita dell’attenzione da parte dell’ascoltatore, ma in ogni caso sono solo punti di vista personali, l’album è bello.
Vi cito alcuni dei miei pezzi preferiti almeno potete sapere da dove iniziare.
Em Seus Olhos è forse la canzone dell’album che ho preferito, con performance vocali e chitarristiche davvero eccelse, se volete iniziare, questa è la canzone perfetta.
Eu Acredito è un lento dove i due cantanti combinano le loro voci, meraviglioso non c’è che dire, lo strumentale è semplicissimo, con percussioni elettroniche e vale davvero la pena.
In ultimo vi consiglio di ascoltare Se Viver, per il resto fatemi sapere nei commenti.

Potete connettervi alla band via:
Facebook: Facebook.com/universo.oficial
Twitter: twitter.com/banda_universo
E il loro sito ufficiale: http://www.bandauniverso.com.br
Da cui potete ascoltare anche l’album a questo indirizzo: http://www.bandauniverso.com.br/albums/universo/