The Synthetic Dream Foundation – “The Witch King (1st movement)

Oggi parliamo di un progetto che mi ha veramente lasciato senza parole.

Si tratta di The Synthetic Dream Foundation, qualcosa di veramente fantastico, un’esperienza epica sotto ogni punto di vista che non posso che ammirare e anticiparvi già ora che si tratta sicuramente di uno dei migliori progetti mai recensiti su questo blog.
Il sound di TSDF unisce elettronica (soprattutto nei beat) a musica a tratti classicheggiante a tratti a dir poco epica.

The Witch King (1st Movement) in particolar modo è un E.P. che fa parte di una sorta di concept. Una trilogia rilasciata ogni due mesi (quindi consiglio a tutti di restare sintonizzati sui link che vi posterò a fine recensione.
Non c’è imperfezione in questo lavoro, la produzione è eccezionale, la grammatica nella composizione è maniacale, i cori stupendi, il lato elettronico anche. Incommentabile a momenti per la sua magnificenza.
Se non si fosse capito per me questo è un 10/10 senza pensieri.
Parlando un po’ delle tracce abbiamo l’apertura con In the Realms of the Unreal che è certamente interessante, parte in modo molto epico, pomposo e ci pone subito le basi del disco.
The Human Harvest si apre invece in modo fortemente dance, una canzone da ballare senza alcun dubbio, ma con delle sonorità davvero particolari, forse la mia preferita dell’album.

In Letters of Black Night è un mix di entrambe a livello di caratteristiche.
Che altro dire ? FANTASTICO.

http://www.tsdf.net/

http://www.mythicalrecords.com/
The_Witch_King

Annunci

Midnight Mosaic – Outside The Lines

Direttamente da Asbury Park, nel New Jersey ecco i Midnight Mosaic, una band Indie di 6 componenti che unisce un misto di rock e soul.
A produrre Outside The Lines abbiamo il produttore David Ivory il quale ha lavorato con band come Halestorm, The Roots, Erykah Badu e soprattutto Patti LaBelle.
Ma come si presenta Outside The Lines? Si tratta di un’ottima canzone con una produzione finissima e una linea vocale ben orchestrata.
La musica in generale non è niente male e fa trasparire una certa vena soul che tanto mi piace.
La band ha certamente lavorato molto organicamente a questo singolo e vi è un vero e proprio lavoro di squadra ben gestito.
La voce è a dir poco sublime, potente e allo stesso tempo incisiva. E certo, se me lo state chiedendo, ho amato questo lavoro.

Un in bocca al lupo alla band e ora i vari link:
http://www.midnightmosaicband.com/
https://soundcloud.com/midnightmosaic/outside-the-lines-midnight-mosaic
www.reverbnation.com/midnightmosaic
https://www.facebook.com/MidnightMosaic
https://twitter.com/midnightmosaic
https://play.spotify.com/track/16dhZDgeS6BREgallLOLwJ
https://itunes.apple.com/us/album/outside-the-lines-single/id988164312

OutsideTheLines2(1)

Pure Energy Presents – RADIO & H-Roc “Nervous” feat. SonaOne

I Pure Energy sono un supergruppo internazionale composto da cinque componenti molti dei quali anche produttori.


La canzone che andiamo ad analizzare oggi si chiama
Nervous ed è stata realizzata in collaborazione di SonaOne.

La struttura non è di certo delle più classiche e ammetto che mi ha lasciato con un tocco di stupore con alcuni cambi del tutto inaspettati.

C’è un po’ di tutto all’interno di Nervous a partire dall’effetto autotune meglio conosciuto come t-pain effect a varie altri accorgimenti interessanti.
La produzionee nel complesso non è niente male e con delle buone cuffie rende veramente bene, è sicuramente uno dei pregi di musica fortemente elettronica dove si può avere un controllo a 360 gradi su tutta la produzione.

Attualmente i Pure Energy si trovano in Malesia per delle collaborazioni, ma molto generalmente sono in tour per diverse parti del mondo.


Una band molto attiva e sicuramente interessante, non perdeteveli.

www.pureenergyworld.com
NERVOUS

Skelley’s Dream – We Are Amazing

A me la musica soul e r&b piace, ma è un genere molto sconfinato nel banale, nel commerciale, nel “ormai ho sentito tutto”.
Gli Skelley’s Dream ci propongono un album di 16 canzoni. Ho citato l’r&b e il soul, ma in questo disco sentiamo davvero di tutto, rap su tutti.
Queste ben 16 canzoni volano molto lisce a patto che voi abbiate il tempo di sentirvele tutte!
Scherzi a parte, stiamo parlando di un album davvero bellissimo, alcune canzoni mi hanno totalmente conquistato come We Are Amazing o Rainbows altre godono di una vera e propria genialità (come alcuni tratti di Funk You per citarne una).
Abbiamo a che fare con un progetto ben compatto e una produzione da 10 e lode, ci sono tantissimi particolari, suoni in background precisissimi, archi bellissimi e molto puliti e molto in generale, sonorità sempre nuove.
Di queste 16 canzoni non mento se dico che non ne ho trovata una brutta, certo la lunghezza di un disco puà a volte essere un difetto, ma solo se questo viene diluito troppo, qua abbiamo linee guida precissime e tanta, ma tanta fantasia.
Gli artisti, di qualsiasi genere, dovrebbero prendere spunto da loro su come fare davvero un BUON disco.

http://skelleysdream.bandcamp.com/
http://www.skelleysdream.com

45trona Ut – Funkspatial

45trona Ut (si pronuncia Astronaut) è un artista sotto contratto con l’etichetta indipendente statunitense Rugitui Leonis Universalis Records.
Il suo genere musicale è un mix di dance, trance ed elettronica (davvero interessante ve lo assicuro). Le influenze sono tantissime, sicuramente si può notare lo zampino di David Guetta, Avicii e dei Daft Punk.
Il suo primo album si chiama Funkspatial e contiene ben 11 canzoni (e no vi assicuro che la qualità è alta, non ci sono riempitivi, è un album che mi ha davvero colpito!).
Dove lo si può trovare? Su iTunes, Amazon, Cdbaby e Spotify.
Vi lascio i link principali:
Sito dell’etichetta: http://www.rlurecords.com/#!45tronaut/cylp
Reverbnation di 45trona Ut: https://www.reverbnation.com/45tronaut

Massimo

The Ballad of Id / Michael Buchanan

Oggi voglio parlarvi di The Ballad of Id progetto dell’artista Michael Buchanan.
Egli ci propone un pop molto interessante, semplice, di facile ascolto con testi davvero belli.
Burn It Down è un pop rock con una sezione ritmica semplice e una chitarra davvero melodica, impeccabile la bellissima voce di Michael.
Mai banale, promossa a pieni voti.
Nothing I Can Do invece utilizza una sezione percussiva quasi etnica, pezzo pregievole.
Space Princess è un pezzo forse un po’ troppo scontato, ma comunque niente male.

In conclusione un artista interessante che merita di essere ascoltato ecco i link:
https://theballadofid.com
https://www.facebook.com/#!/CosmicSauceAndTheBalladOfId?bookmark_t=page
https://soundcloud.com/the-ballad-of-id