Hood Games Vol. 4 by DJ Insane

Oggi torniamo a parlare dell’hip-hop recensendo il mixtape Hood Games Vol. 4 di DJ Insane e ponendo particolare attenzione a Keep On Pushing, canzone nata dalla collaborazione di Godhand Black e Three Words.
La canzone presenta una produzione eccezionale, Three Words Non manca di carisma e sicuramente ha una voce molto particolare.
Bello davvero il ritornello, ben sviluppato, catchy per bene, anche Godhand Black sa farsi valere vocalmente e molto interessanti anche gli strumenti in background oltre a un ottimo beat.
Una canzone riuscitissima e certamente un ottimo esempio di come fare buon Hip-Hop, bello il testo un 8/10 meritato.
Il mixtape procede con la violentissima “Chi Waukee Demo Cash Feat. Playaron”, devastante, molto sgrezza e diretta.
Anche “Migos Jealousy” merita, parliamo sempre di hip-hop molto nudo e crudo.
Di altissimo livello è “Kwony Cash Locked In (Prod by Kwony Cash”, particolare, tecniche di tuning elevate e nel complesso una canzone del tutto rispettabile.
Purtroppo il mixtape non ha solo aspetti positivi, non ho apprezzato per niente “Traww x Hevy x Aries Rolling”, una canzone evitabile che non sa davvero di niente… E non è l’unica.

Nel complesso siamo comunque davanti a un mixtape ben riuscito che non sto a recensire tutto per lasciarvi anche un po’ la voglia di gustarvelo e giudicarlo da voi, consiglio particolare attenzione sul lavoro fatto da Godhand Black e Three Words, sicuramente una spanna sopra il resto.

Godhand Black
http://www.reverbnation/godhand502
http://www.twitter.com/godhand502
http://www.facebook.com/godhandblack

Three Words
http://www.reverbnation.com/threewords
http://www.facebook.com/threewordsmusic
http://www.twitter.com/Three0Words

Mixtape: http://www.hotnewhiphop.com/djinsane727-hood-games-vol-4-mixtape.107382.html?song-2

Annunci

Slade – This Time It’s Personal

Facciamo una virata di genere con Slade, parliamo di hip hop/rap.
Slade ha una voce molto adatta al genere anche se la produzione dell’album penso l’abbia penalizzata molto.
Partiamo con il dire inizia con “Hello” e si conclude con “See Ya” un collegamento che ho trovato abbastanza azzeccato di due tracce abbastanza brevi.
To the Top presenta una voce femminile purtroppo fuori dai toni, non mi è piaciuta per niente, ma Slade inizia finalmente ha rappare con grande furia, l’album è, come noto dal genere, molto esplicito cosa che non può che piacerci, bravo Slade.
It Just Got Personal ha un beat davvero acchiappante ed è uno dei pezzi del disco che ho preferito anche se l’apice credo proprio sia la traccia successiva: Lean Back.
Finalmente anche la voce sembra aver subito miglioramenti come produzione, non capisco come mai questa differenza, ma è veramente una canzone degna di nota, se non avete voglia dell’album intero vi consiglio di ascoltare almeno questa perché merita.
Im Ay Sinner è si tiene sempre su buoni livelli e poi arriviamo a metà dell’album con The Prayer, altra traccia breve come intro e outro, ripeto, queste differenziazioni le ho apprezzate tantissimo, ogni tanto ci stanno.
Esclusa The Way Im Feeling l’album non prosegue male e anzi il “lato B” sembra ancora migliore di quanto già sentito, I’m Fine, per esempio è un una canzone con le palle. Degne di nota anche Dear Mama e Im Ay Be Ok.
Non voglio dire altro perchè ve lo lascio scoprire, parere personale, Slade è cattivissimo, ha una voce che spacca e avrebbe solo bisogno di una produzione in grado di gestirla meglio, può benissimo evitare le parentesi melodiche perchè è una furia, non ha bisogno di melodia.

Comprate l’album su iTunes: https://itunes.apple.com/us/album/this-time-its-personal/id714476476
E ascoltatelo su Soundcloud: https://soundcloud.com/musicman2020

Nodoka’s Nabe – Let me Scream E.P.

Quando si parla di alternative, solitamente, sono sempre molto servero, ma questa volta non posso che apprezzare il lavoro fatto da questa band giapponese.
Sotto contratto con la BlueHandVein hanno da poco rilasciato il loro primo E.P. Let me Scream.Il loro sound fonde diversi generi e potremmo quasi definirlo come il rapcore più rock di sempre. Si perché se è vero che il cantante/chitarrista ritmico Takashi ha uno stile vicinissimo al Rap il chitarrista solista “Jay” ha le sue radici nel rock anni ’70.
Il gruppo ha optato per una produzione di qualità non eccelsa scelta più o meno condivisibile.
Una nota di merito al gruppo per i suoi testi, completamente in giapponese, lasciandosi quindi alle spalle la moda dei gruppi del sol levante di unire la propria lingua a quella inglese.
Matteo

Unified Giants – Change the Weather

Oggi si parla di musica hip pop, direttamente dall’America Unified Giants.
Prodotto da KEI-SHON-SON Change the Weather è un e.p. di cinque canzoni. Non sono un amante della musica rap, ma voglio consigliarvi questo artista perché merita davvero tanto.
Interessante come vi sia anche spazio per un po’ di sperimentazione, che mai guasta.
La produzione è a livelli molto alti, perfetta per il genere e i testi anche un po’ insoliti (almeno rispetto a ciò che ho sempre ascoltato): amore e felicità. Non ci credete? Date un’ascoltata!

Tracklist:
1. Change the Weather
2. Battle Temptation
3. Beautiful Life
4. Everythings Cool
5. Show Love

E.P. in streaming su Soundcloud.com: http://soundcloud.com/unifiedgiants/sets/change-the-weather
Sito ufficiale di Unified Giants: http://www.unifiedgiants.com/

Fateci sapere nei commenti cosa ne pensate di questo artista!

Fabrizio.