The Ruthless World Of Randy Ichinose – All Pilots At The Ready

Abbiamo avuto la possibilità di ascoltare in anteprima l’e.p. di debutto del Ruthless World Of Randy Ichinose e ora siamo pronti per recensirlo.
Qualche premessa prima. Randy Ichinose è già attivo con i Barclay & Ichinose come cantante, batterista e occasionalmente chitarrista, ma per quanto riguarda questo progetto scordatevi totalmente il sound dei B&I. Si tratta infatti di un album con sonorità molto anni ’90 che strizza l’occhio in alcuni punti al metalcore (soprattutto la batteria).
In formazione troveremo Randy alla voce e alla chitarra e Matt Fancy alla batteria.
La prima canzone già l’avevamo sentita, si tratta di Avalon Is Dead, anche se questa versione ha le voci riregistrate, un ottimo inizio.
The Elephant Boy è una traccia riuscita benissimo con una voce molto graffiante e un testo nonsense coinvolgente.
Stars è forse la canzone più vicina alla shoegaze di tutto il disco. Le strofe ricordano molto i My Bloody Valentine, ma è anche forse il brano dove si nota maggiormene la vicinanza con temi metalcore.
Never Regret stacca la spina a tutto ciò che abbiamo sentito sino ad ora e si presenta come una traccia atmosferica in pieno stile Ichinose di sola voce e chitarra.
Per tutto l’album sentiremo una batteria riuscitissima che si combina alla perfezione con lo stile chitarristico di Randy. Le voci hanno spesso sovraincisioni e buone dosi di riverbero, mentre la chitarra, fatta eccezione per l’ultima traccia, è sempre fortemente distorta con il classico sound del Big Muff portato al limite con assoli però sempre in pulito e molto melodici.
In conclusione un e.p. che merita di essere ascoltato, Randy non si sbilancia e non mette tanti temi in gioco, ma riesce comunque a presentare un ottimo sound e sempre personale.

Potete attendere l’album sul suo Soundcloud: https://soundcloud.com/randyichinose
E acquistare una maglietta su Labelstate: http://labelstate.com/products/all-pilots-at-the-ready

Anteprima: Barclay & Ichinose – Night Draws Nigh

Come l’ultima volta la BlueHandVein ci ha mandato in esclusiva una canzone per la recensione e oggi parliamo di Night Draws Nigh dei Barclay & Ichinose!

La band l’abbiamo già approfonditamente affrontata e questo è il primo vero e proprio singolo dopo l’uscita del loro primo e.p. (se escludiamo The Scene That Celebrates Itself).
La canzone si presenta molto lenta e tranquilla, con due chitarre creando una dolcissima atmosfera che verrà distrutta dopo pochissimo tempo dalla voce di Joe e dalla graffiante ritmica di chitarra. La strofa è veloce e veramente interessante con le voci di Joe e Randy che si alternano (da notare la presenza dello scream di Randy che per ben due volte esplode all’interno della canzone creando un effetto davvero da brivido), abbiamo anche dei breakdown usati come pre e post ritornello, una struttura davvero geniale come geniali sono gli assoli di Joe in particolare l’ultimo che occupa praticamente metà canzone ruggendo in due diverse tonalità. Qua sentiamo Blackmore, Page e Gilmour nel plettro di Joe o forse semplicemente sentiamo lo stile geniale di Barclay.
Una canzone da standing ovation, un singolo che ha tutte le carte in regola per sfondare, da un testo insano a una musicalità veramente indescrivibile.
Promosso a pieni voti? Non solo! Da vetrina

Fabrizio

[SONG] Barclay & Ichinose – The Scene That Celebrates Itself

Una volta chiamavano così la Shoegaze oggi è anche una canzone del duo Barclay & Ichinose che ovviamente non potevamo non recensire.
Sicuramente T.S.T.C.I. è il pezzo più pesante sino ad ora prodotto dalla band con un intro che fa l’occhiolino al metal.
La canzone cambia immediatamente genere alleggerendosi musicalmente, mentre la parte cantata e le note ripetitive non fanno che aumentare l’inquietudine. Il testo è triste, tristissimo e potremmo classificare la canzone come un buon pezzo Emo di vecchia data in stile B&I.
Non manca qualche accenno allo scream con un cantato di Randy che non può che farci piacere!
E poi arriva Joe con il suo sintetizzatore e devastare la scena e a non farci più capire nulla riguardo al genere di ciò che stiamo ascoltando, ma B&I sono così, ormai sappiamo come trattarli.
Dopo un assolo di synth e uno di chitarra torniamo alla parte cantata per poi tornare a un ultimo assolo di synth.
Una canzone davvero molto bella e particolare, da ascoltare!

Luca.