Intervista a Joe Barclay del duo Barclay & Ichinose

Per l’ultima puntata della presentazione dell’e.p. “Barclay & Ichinose I” abbiamo oggi con noi Joe Simon Barclay (voce, chitarra e tastiere).
Un grandissimo piacere Joe! Vuoi raccontarci come hai conosciuto Randy e come è nato il duo?

Joe: Ho conosciuto Randy circa tre/quattro anni fa e abbiamo deciso di provare a suonare insieme lo scorso giugno. In realtà fu Randy a contattarmi, l’idea di formare una band venne da lui… All’inizio abbiamo pensato di cimentarsi con alcune cover di band come i Pink Floyd, gli Who, i Beatles etc… Da subito ci pareva ovvio che non avremmo avuto bisogno di altri membri e quindi ho dovuto imparare a cantare (cosa completamente nuova per me…). Ad un certo punto pensammo di provare a comporre qualcosa e ne uscì fuori Five Out Of Four (il pezzo di apertura del nostro ep) e da lì abbiamo iniziato a considerare la possibilità di prendere più seriamente la cosa…

Proprio riguardo Five Out Of Four, siamo tutti curiosi di sapere come è nata.

Joe: Allora, Randy aveva una sequenza di accordi ascendente che gli era venuta in mente alla chitarra, questa sequenza era in 5/4 e io pensai di modificarla da ascendente a discendente mantenendo il tempo e suonandola al piano (questa è la parte che si sente all’inizio), poi lui propose un’altra parte in 3/4 e io suonai una sequenza di accordi sulla sua melodia; dopo aver ripetuto queste due parti, aggiunsi altri due piccoli frammenti che avevo composto precedentemente e poi si trattò solo di riordinare il tutto e creare un pezzo ascoltabile… Di certo il fatto che sia formata in gran parte da pezzi in tempi dispari contribuisce a renderla interessante… Quindi, ricapitolando, l’idea iniziale è stata di Randy e poi ci abbiamo lavorato insieme…

Il mod e il rocker, siete un po’ come il sole e la luna, come può un duo così diverso esistere?

Joe: Beh, nonostante le radici musicali diverse, ci troviamo d’accordo su molte cose; pare che lui apprezzi molto il modo che ho di comporre e di suonare e la cosa è ovviamente reciproca. Oltretutto andiamo d’accordo anche e soprattutto come persone, non solo musicalmente, e questo aiuta molto… Ovviamente avere influenze musicali diverse non fa altro che ampliare la varietà della nostra musica, come credo sia abbastanza evidente ascoltando il nostro ep…

Parlando del vostro e.p… La produzione è sicuramente qualcosa di molto inaspettato, cosa puoi dirci al riguardo?

Joe: Non amo le produzioni troppo “pulite” e di sicuro il fatto che entrambi ascoltiamo musica anni ’60\’70 ha contribuito ad alcune scelte di produzione… Anche se, ad essere sincero, avendo registrato l’ep in un ambiente casalingo anzichè in uno studio professionale è ovvio che il suono sia lontano dall’essere moderno, soprattutto per la batteria… Ma credo che Randy abbia fatto un ottimo lavoro di produzione tenendo conto dei mezzi…

Riguardo le vostre differenze musicali Randy ha citato i Beach Boys come tua più grande ispirazione da qualche tempo a questa parte…

Joe: Ho sempre considerato i Bech Boys come un gruppetto pop di bassa qualità, poi fui incuriosito dal fatto che in una classifica dei migliori album rock di sempre al secondo posto c’era Pet Sounds (un loro album del ’66); Così lo acquistai ed ebbi la conferma di come alcune canzoni brevi possano essere estremamente interessanti (parlo di conferma perchè ascoltavo già i Beatles); questo mi convinse a comporre canzoni brevi (prima componevo lunghi pezzi strumentali) e l’esempio più ovvio di questo metodo di scrittura è A Nail In My Head, la semplicità fatta canzone… Poi ovviamente apprezzo tutti gli album dei Beach Boys, ma soprattutto Pet Sounds, Smile, Today! e Sunflower mi hanno aperto un nuovo mondo…

Cosa ci dici del tuo passato musicale? Come è nata la magia?

Joe: Beh allora, io ho iniziato a suonare al chitarra circa 5 anni fa e decisi da subito di non prendere lezioni… Con il passare del tempo imparai a suonare alcune parti di chitarra (prima ritmica e poi solista) di David Gilmour, Ritchie Blackmore, Jimmy Page e altri… Questi chitarristi (soprattutto Jimmy Page) hanno influenzato parecchio il mio stile che però non si basa troppo sui tecnicismi, semplicemente perchè non ho molte tecniche da mostrare. Infatti nell’ep gli unici assoli che faccio sono: due molto semplici e basilari in A Nail In My Head e uno in slide in The Giant Other Side, tutti assoli non troppo tecnici… La chitarra che uso di solito è una LTD EC-50, ma a volte ritorno alla mia primissima chitarra elettrica: la Squier Bullet Strat…
Riguardo la tasitera invece… Iniziai a suonarla circa un anno dopo la chitarra e l’intenzione iniziale era di usarla per comporre o da accompagnamento, cosa che faccio ancora; ma ascoltando personaggi come Rick Wakeman, Keith Emerson, Jon Lord e compagnia bella, tentai di imparare qualche tecnica solista basilare che di sicuro mi ha aiutato a sentirmi sicuro di quello che suono in ambito live… Ovviamente anche con la tastiera sono autodidatta e credo che si senta dal modo in cui suono…

Qualche parola riguardo al futuro?

Joe: Beh, è ancora un po’ presto per parlarne; l’ep deve ancora uscire… Ma posso dire che, ancor prima di registrare l’ep, c’era l’idea di comporre un concept album (un album con una storia che accomuna tutte le canzoni) e quindi probabilmente lavoreremo in quel senso… Ma chi lo sa? Potremmo cambiare idea da un giorno all’altro… Di sicuro abbiamo intenzione di impegnarci seriamente per il futuro di questa band, visto che sembra che il nostro primo lavoro sia piaciuto…

E con questo abbiamo concluso il ciclo Barclay & Ichinose.
Sicuramente avremo di nuovo a che fare con questo promettentissimo gruppo, voi mi raccomando, continuate a seguirli!

Lucilla

Annunci

5 thoughts on “Intervista a Joe Barclay del duo Barclay & Ichinose

  1. La bullet strat madòòòòò!!! la chitarra più entry level di ‘sto mondo.
    Joe hai la mia stima, se riesci a far suonare quel pezzo di legno sei veramente un grande

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...